Trovato un liquido misterioso in un vaso di 2000 anni fa

Trovato un liquido misterioso in un vaso di 2000 anni fa

Gli archeologi cinesi hanno scoperto uno strano liquido scuro all’interno di un antico vaso a forma di cigno

Gli archeologi cinesi, secondo quanto riporta China.org.cn hanno trovato uno strano recipiente durante lo scavo di un’antica tomba in una baraccopoli in Sanmenxia, ​​una grande città della provincia di Henan nella Cina centro-orientale. Il recipiente in bronzo, ha una forma somigliante a un uccello dal lungo collo, come una specie di cigno.
Il vaso/recipiente contiene circa tre litri di “liquido sconosciuto” di colore bruno.

I cigni ai tempi della manifattura dell’antico recipiente, non erano presenti in Cina; il luogo più vicino dove in quell’epoca c’erano i cigni era la Siberia. Quindi, secondo il vicedirettore dell’Istituto di Reliquie Culturali e Archeologia della Sanmenxia, il professor Zhu Xiaodong, l’unica possibilità per cui gli artisti avrebbero potuto ispirarsi ai cigni, è che questi uccelli devono aver migrato in Sanmenxia durante la fine del regno Qin (206 a.C.) e la prima dinastia Han, che governò la Cina dal 206 a.C. al 220 d.C..

Questo non significa, però, che il liquido contenuto in questo pentolone a forma di cigno, sia un antico Pinot Nero o qualche altro vino che si accompagna nel mangiare il petto d’oca. Non è risaputo, infatti, se il liquido contenuto abbia la stessa datazione.

Chissà, quindi, se questo misterioso liquido dal colore scuro sia stata una bevanda o se servisse per altri scopi. E non si sa neppure se la forma del “cigno” sia strettamente legata all’uso del liquido contenuto. Secondo la Torah ebraica e anche come è riportato in Levitico 11:18 nell’Antico Testamento della Bibbia, i cigni e le oche erano ritenuti animali impuri perché in continuo accoppiamento. In realtà non sono gli unici animali che si accoppiano continuamente, quindi ai tempi dell’Antico Testamento fino a quando Gesù camminava su questa terra, anatre, oche e cigni, non erano visti con molta simpatia.

Per ora, le uniche ipotesi sulla natura del liquido è che si possa trattare di un’antica birra cinese a base di miele, riso, uva e biancospino. In quel periodo, infatti, il vino iniziava a fare la sua comparsa.

Vi aggiorneremo tempestivamente quando si scoprirà cosa contiene realmente questo antico recipiente. Voi avete qualche idea? Scrivetecelo nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.