È giallo sull’omicidio della Signora del Pozzo

È giallo sull’omicidio della Signora del Pozzo

Una ricercatrice di Haward investiga con il suo team su un omicidio e sull’occultamento del cadavere di una donna vissuta 3500 anni fa

Come direbbe Sherlock Holmes, “ogni buon mistero su un omicidio ha bisogno di un altrettanto mistero sulla vittima“. La professoressa di antropologia ad Harvard, Christina Warinner, stava lavorando assieme ad altri ricercatori per ricostruire una storia genomica del Neolitico all’età del bronzo nell’Anatolia, nel Levante settentrionale e nel Caucaso meridionale. Vennero prelevati campioni di DNA su 110 resti di ossa rinvenute in Israele, Giordania, Turchia, Azerbaigian e Armenia, che risalgono fra i 3000 e i 7500 anni fa. Secondo il Science Daily, i ricercatori hanno scoperto due eventi genomici che si sono verificati in due momenti diversi: uno circa 8.500 anni fa e l’altro circa 4.000 anni fa, ma che indicavano una miscelazione genetica a lungo termine e movimenti di popolazione nell’area, contraddicendo le convinzioni di lunga data secondo cui tale movimento e miscelazione non si sarebbero verificati fino a quando le città non fossero diventate comuni.

Un cadavere in particolare ha incuriosito la professoressa Warinner: i resti di una donna in Turchia che giacevano su quello che un tempo era un pozzo. Questo scheletro è soprannominato la “Signora nel pozzo”.

Il suo DNA ha mostrato che ha vissuto fra il 1625 a.C. e il 1511 a.C. e che morì all’età di circa 45 anni. Inoltre, il DNA ha svelato anche che proveniva dall’Asia centrale, dall’altra parte del Mar Caspio, a circa 3200 chilometri di distanza. Questa donna avrebbe compiuto il viaggio da sola o, forse, con i suoi genitori che probabilmente erano immigranti nell’Alalakh, un’antica città-stato nella valle turca del fiume Amuq.

Cosa ci faceva in fondo ad un pozzo e perché l’avevano uccisa? La deduzione dell’omicidio è dovuto al rinvenimento di ferite multiple. Quindi dopo l’omicidio, la donna fu gettata dentro al pozzo per nascondere il suo corpo. Forse la donna era promessa in matrimonio? La sua famiglia era schiava di qualche gruppo? Dalle analisi non risulta avere avuto parentele con abitanti della zona. Le ipotesi sono molte, fra cui quella di uno stupro o di un omicidio a sfondo razzista, o ancora, un assassinio collegato ad una rapina.

Nonostante ci siano le basi per un romanzo alla Dan Bown, l’omicidio della Signora nel Pozzo, resta al momento ancora un affascinante mistero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.