750 milioni di zanzare OGM verranno rilasciate in Florida

750 milioni di zanzare OGM verranno rilasciate in Florida

Ancora una volta l’uomo gioca a fare Dio per ridurre il grande numero di zanzare portatrici di virus mortali

I contestatori e oppositori all’esperimento, lo hanno già soprannominato “Esperimento Jurassic Park” e intendono fare causa all’EPA (Environmental Protection Agency) perché sostengono che questa operazione possa seriamente danneggiare altre specie di animali dello stato. Secondo Jaydee Hanson, direttore delle politiche dell’International Center for Technology Assessment e del Center for Food Safety, non c’è nulla di cui preoccuparsi.

L’esperimento consiste nel liberare sciami di insetti allevati dalla società britannica di biotecnologia Oxitec e che sono stati modificati geneticamente per aiutare a ridurre la popolazione di zanzare nello stato e, in tal modo, ridurre il rischio di diffusione di malattie mortali come il Virus del Nilo Occidentale e l’Encefalite di Saint Louis.

Il Virus del Nilo Occidentale può portare la Febbre del Nilo Occidentale (West Nile Fever). Il virus fu isolato per la prima volta nel 1937 in Uganda, appunto nel distretto del West Nile (da cui prende il nome). Poi si è diffuso in Africa, nell’Asia occidentale, in Europa, in Australia e anche in America. A trasmettere questo virus sono uccelli e zanzare comuni, della specie Cùlice (Culex linnaeus e Culex pipiens). Il virus non si trasmette da persona a persona tramite il contatto, ma attraverso il sangue, quindi nelle trasfusioni, nei trapianti di organi o da madre a feto in gravidanza. Il problema di questo virus è che infetta anche molti mammiferi, come cani, gatti, conigli, cavalli, etc.

L’Encefalite di Saint Louis è una malattia causata dal virus SLEV (Saint Louis Encephalitis Virus), il cui contagio è dovuto alla puntura delle stesse zanzare che provocano il Virus del Nilo Occidentale, ma anche delle zanzare della specie Mansonia pseudotitillans. Questa forma di malattia neurologica si manifesta soprattutto negli Stati Uniti d’America, nell’America Centrale e nell’America del Sud, in particolare in Brasile ed Argentina. Ci sono stati alcuni casi anche in Canada e in Messico.

La chiave dell’esperimento sta nel fatto che le zanzare “modificate” trasportano una certa proteina che, quando tramandata alla progenie femminile, si rivelerà letale. Come è noto, solo le zanzare femmine pungono effettivamente, quindi riducendo selettivamente il loro numero, gli scienziati sperano che anche la diffusione delle malattie venga ridotta in modo massiccio.

Sia l’EPA che il dipartimento agricolo della Florida e dei servizi ai consumatori hanno dato il via libera agli scienziati per procedere con il rilascio di 750 milioni di insetti geneticamente modificati nelle Florida Keys, tuttavia i gruppi di conservazione sostengono che l’impatto ambientale non sia stato valutato correttamente.

Nonostante i rischi e le persone in Florida non siano a favore di questa operazione, verrà messa in atto, a meno che non venga presentata una sfida legale con i contro-fiocchi.

Voi che cosa ne pensate? Sareste a favore o contro un’operazione simile? Fatecelo sapere nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.