Le camere d’albergo più inospitali perché infestate

Le camere d’albergo più inospitali perché infestate

Esistono luoghi presumibilmente molto infestati dagli spiriti da essere rigorosamente vietati i soggiorni. Ecco quali sono gli Hotel più “infestati” al mondo

Chissà quante volte avete sentito parlare di hotel infestati; ma vi siete mai chiesti quali quelli che vietano ai clienti di soggiornarvi perché creduti infestati?

First World Hotel, Kuala Lumpur

Oggi l’hotel resort ha un aspetto molto colorato

Iniziamo con questo hotel perché i fantasmi non infesterebbero alcune stanze in particolare, ma tutte le camere a caso. Se siete amanti del brivido dovete fare un salto a Kuala Lumpur in Malesia e alloggiare al First World Hotel, che si trova in cima al monte Titiwangsa in mezzo ad una foresta pluviale tropicale. Questo è hotel è considerato uno dei più grandi del mondo, ma oltre a questo guinnes se ne è aggiudicato un altro: quello di essere uno degli hotel più infestati al mondo. Pare che i fantasmi non facciano accezioni e si divertano a incutere brividi e spaventi ai clienti delle 7351 camere. Secondo alcuni, si tratterebbe degli spiriti dei giocatori d’azzardo che dopo aver perso molto o tutto nei casinò del resort, si siano suicidati.

Congress Hotel, Chicago

Conosciuto come uno degli hotel più infestati di Chicago, il Congress Hotel dispone di diverse camere, ma alcune sono vietate ai clienti che intendono soggiornarvi. Una di queste camere si trova al quarto piano, dove molti ospiti hanno testimoniato di aver visto e sentito gli spiriti di bambini giocare e spaventarli muovendo oggetti nella stanza. Uno di questi spiriti pare si chiami “Peg-Leg Johnny”. Non è però l’unica camera ad essere infestata, perché ce n’è una anche al dodicesimo piano che, non solo è vietato il soggiorno, ma è anche vietato al personale di farvi accesso. Solo alcuni del personale conoscono la storia, ma raccontano che sia così orribile da non poterne parlare. Sarà una trovata dell’Hotel per attirare turisti amanti del brivido o è davvero accaduto qualcosa di terrificante dietro la porta sigillata di questa camera senza numero?

Hotel Burchianti, Firenze

Ebbene sì, ne abbiamo uno anche nel nostro paese. Quindi se sei amante del brivido o sei un ghost hunter, devi assolutamente fare un salto all’Hotel Burchianti, a Firenze, dove Benito Mussolini vi soggiornava negli anni Trenta. Pare che in questo hotel si aggiri lo spirito di una donna e viene vista lavorare a maglia su una sedia della hall, oppure alle prime ore dell’alba la si può incontrare mentre cerca di sistemare i letti di alcune stanze. Altri racconti di presenze provengono dalla Sala degli Affreschi, che ha un soffitto decorato davvero molto suggestivo e pare che vi sia una presenza inquietante che si diverta ogni tanto a soggiornare assieme ai clienti.

Fairmont Banff Springs Hotel, Alberta

Il Fairmont Banff Springs Hotel è considerato uno degli hotel più infestati di tutto Alberta, Canada. Pare ci sia così tanta attività paranormale che nella camera 873 è vietato soggiornarvi perché sarebbe la più infestata. Non si conosce la reale storia della camera, ma ci sono voci su un presunto omicidio da parte di un uomo che ha massacrato la famiglia. Chi a suo tempo riuscì a soggiornare nella camera, ha riferito di lamenti inquietanti non appena spensero le luci. Inoltre sono state riportate testimonianze di impronte di mani su specchi e vetri della camera. La cosa bizzarra è che, secondo quanto riferito, quelle impronte riappaiono dopo che vetri e specchi sono stati puliti.

Russell Hotel, Sydney

Se fate un salto a Sydney, in Australia, oltre agli splendidi posti e alla fauna davvero unica, non dimenticate di alloggiare al Russell Hotel, situato nel quartiere più antico della città, The Rocks. Un tempo questo hotel era frequentato da marinai chiassosi in cerca di un posto dove dormire soprattutto dopo una sbronza. Successivamente fu utilizzato come ospedale improvvisato durante l’epidemia della peste bubbonica nei primi del Novecento. La camera infestata è la numero 8, dove si dice che lo spirito di un marinaio disturbi gli ospiti che vi soggiornano.

Read House Hotel, Chattanooga

A Chattanooga, nel Tennessee, c’è un singolare albergo, il Read House Hotel. Si dice sia così infestato che non è possibile soggiornarvi a lungo per evitare spiacevoli spettrali incontri. In particolare nella camera 311 aleggerebbe lo spirito di una donna di nome Annalisa Netherly che fu assassinata negli anni Venti dal geloso marito. Chi ha soggiornato nella camera 311 ha riferito di aver visto ombre, di sentirsi osservato e, soprattutto, di aver sentito suoni inspiegabili e bisbigli. Parrebbe che fra gli ospiti della camera 311, lo spettro prediliga disturbare più gli uomini che le donne.

Fairmont Le Château Frontenac, Quebec City

Nel centro storico del Quebec, in Canada, c’è questo splendido hotel che è anche divenuto patrimonio mondiale dell’UNESCO perché ricco di storia. Il Fairmont Le Château Frontenac, prende il nome dal governatore del XVII secolo della Nuova Francia, Louis de Buade de Frontenac, che vi morì nel 1698. Parrebbe che lo spirito del governatore continui, da oltre trecento anni, a inquietare gli ospiti dell’hotel, soprattutto in quella che fu la stanza in cui morì, nella quale è vietato soggiornarvi.

Omni Parker House, Boston

La camera 303 dell’Omni Parker House di Boston, nel Massachusetts, si dice che sia infestata da un ospite che vi morì moltissimi anni prima. Coloro che vi hanno soggiornato, hanno affermato di aver sentito risate, voci inquietanti e di aver visto alcune ombre nella stanza. Alcuni testimoni hanno raccontato di aver trovato la vasca piena d’acqua al loro rientro in camera, nonostante il rubinetto non avesse problemi di perdite e non l’avessero neppure aperto. A seguito delle numerose lamentele di attività paranormali, o comunque inspiegabili, il personale dell’hotel ha deciso di trasformare la camera in un ripostiglio, così da non essere più soggiornata da nessun ospite.

Queen Anne Hotel, San Francisco

Inizialmente, il Queen Anne Hotel era un Collegio femminile di Miss Mary Lake. Si trova nel pittoresco quartiere di Pacific Heights a San Francisco ed è presumibilmente infestato dalla stessa Mary Lake, la direttrice dell’ex collegio. La scuola, all’epoca, era finanziata da un magnate industriale, Jim Fair, da cui prende nome l’hotel. Fair e la Lake furono accusati di essere amanti, tanto da finire sulla cronaca di alcuni giornali che nel 1891 titolarono “Cupido e Mr. Fair”, affermando che Jim e Mary si fossero sposati in gran segreto. La Lake negò tutto affermando di aver visto l’imprenditore forse solo una decina di volte in tutta la sua vita.

Fair morì nel 1894 ed essendone il proprietario dispose nel testamento che il collegio doveva essere chiuso perché l’edificio doveva essere lasciato in eredità alle sue due figlie. Nonostante Mary lake cercò di persuadere le figlie di Fair, per ragioni finanziarie le due donne decisero di chiudere il collegio. Nel 1899 fu venduto e divenne un club per gentiluomini, una sorta di country club, chiamato The Cosmos. Dopo dodici anni cadde in rovina e fu restaurato dalla principessa Anna, unica figlia della regina Elisabetta II del Regno Unito e del principe Filippo, duca di Edimburgo.

Mary Lake si trasferì a Montclair, nel New Jersey nel 1902, dove vi morì due anni più tardi e fu sepolta nella Contea di Essex, nel New Jersey. Ai tempi del collegio femminile, l’ufficio di Mary Lake era in quella che oggi è la camera 410 ed è lì che parrebbe manifestare il suo spirito inquieto. O forse sarà lo spirito di una delle ragazze che hanno frequentato il collegio? Difficile dirlo.

St. James Hotel, Cimarron

Il St. James Hotel di Cimarron, nel New Mexico, ha una camera davvero inquietante, o meglio, è così che raccontano gli ospiti che vi hanno soggiornato. Si tratta della numero 18 ed è così infestata che il personale dell’hotel ha dovuto mettere un lucchetto alla porta. Non sorprende che questo sia uno degli hotel più infestati del mondo, dato che vi sono avvenuti oltre ventisei omicidi. La leggenda racconta che il proprietario abbia perso l’hotel in una partita di poker, ma il vincitore sarebbe stato assassinato mentre stava tornando proprio nella camera 18, dove poi sarebbe deceduto. Gli ospiti che hanno soggiornato in quella camera hanno affermato di aver sentito la presenza di un’entità aggressiva e molto violenta. A causa delle troppe lamentele, per timore di perdere la clientela, il personale dell’hotel ha deciso di chiudere la camera, così da impedire a chiunque di accedervi, compreso lo stesso personale che si occupa di riordinare le camere.

Stanley Hotel, Denver

Se amate il ghost hunting e vi piace viaggiare, dovete assolutamente annotarvi lo Stanley Hotel di Denver, nel Colorado. Innanzitutto perché il nome è ispirato a Stanley Kubrick per via del suo inquietante film Shining del 1980, basato sull’omonimo romanzo di Stephen King del 1977. L’hotel offre ai suoi ospiti, la possibilità di fare del ghost hunting di gruppo a tarda notte, sia nell’hotel, sia nel parco dell’edificio. La leggenda dell’hotel, infatti, narra di giovani ragazze che sono state assassinate in un’epoca lontana, quando non vi era neppure costruito l’hotel. Questi spettri parrebbero prendersi beffa degli ospiti, ridacchiando per tutto il quarto piano. Anche il terzo piano sembra non essere tranquillo, perché si sentirebbero i balli della sala posta nello stesso piano, nonostante non vi sia nessuno.

E voi, avete mai avuto esperienze di incontri spettrali in qualche hotel? Raccontatecelo nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.